Quale nazione continua anche se indirettamente a pagare il gas alla Russia?

Risposta: l’Ucraina di Zelensky.

Mentre il mondo si scervella per provare a capire come evitare di acquistare gas dalla Russia di Vladimir Putin, proprio il paese invaso dall’esercito di Mosca continua invece a farlo. Proprio così, l’Ucraina continua ad acquistare gas russo. Scome scrive il Fatto Quotidiano; “Kiev formalmente non dipende più dall’ energia di Mosca, ma in realtà acquista un decimo dei suoi consumi ancora da Gazprom, sebbene solo indirettamente. In questa complicata partita doppia, l’Ucraina incassa ogni anno royalties per i servizi di trasporto per oltre un miliardo di dollari, ma poi è costretta a pagare trasversalmente il proprio aggressore“.

Secondo quanto scrive il Fatto Quotidiano; “Mosca paga Kiev anche dopo averla aggredita (e di qui si spiega l’attenzione a non bombardare le pipeline), mentre l’Ucraina però deve restituire il favore alla Russia versandole attraverso Ungheria, Slovacchia e Polonia milioni di dollari che finiscono per finanziare indirettamente la macchina bellica di Putin. Un paradosso della geopolitica del metano e dei gasdotti“.

Insomma, la genialità degli Europei che vogliono abbassare i termostati per sanzionare Mosca, si scontra con la realtà delle cose. Ci si chiede: perché Mr. Draghi e soci non fanno cenno a questo dato di fatto mentre continuano a menarcela con le loro favolette?

Fonte

/ 5
Grazie per aver votato!